Senza gli squalificati Corrado e Longoni, con Giacomo Sartore alla sua seconda partita in C Silver grazie al doppio tesseramento, la nostra prima squadra centra la quindicesima vittoria stagionale e blinda il quinto posto, tenendo accesa la speranza di agganciare il quarto. Sull vittoria ottenuta guidando saldamente nel punteggio per tutti i 40 minuti e quasi mai messa in discussione (unico pericoloso passaggio a vuoto è stato passare dal 68-53 al 68-63 a 2'50" dalla fine, con Zagaria fuori per falli, e diversi altri giocatori a quota 4), diamo qualche numero: ben 8 i giocatori in campo almeno 16 minuti, 8-12 per Ferraresi e 3-4 per Sartore nei tiri da 2, 13 i rimbalzi di Cambursano, 4 le palle recuperate da Ferraresi, 4 gli assist di Astegiano. Esordio assoluto in C per Umberto Fazzi, avvenimento che deve averlo gasato visti i 40 punti messi a segno martedì a Ponderano con l'under 20: bravo Umbi.

Per sperare di raggiungere il quarto posto bisogna vincere le due partite rimanenti: venerdì a Ghemme e sabato 21 in casa con Pinerolo.

USAC: Campigotto 11, Astegiano 8, Zagaria 10, Zuliani 1, Ferraresi 20, Boetto 3, Oberto 8, Cambursano 8, G. Sartore 9, Fazzi 0, Ariotto 0. Allenatore: Porcelli.

VERCELLI: Castano 9, Buffon 2, Morello 8, Giordano 5, Martinetti 12, Danna 6, Tamarindo 12, Hoxhara ne, Vercellone 0, Cornaglia 10, Sabatino 0, Arditi 4. Allenatore: Antonio Galdi. 

ARBITRI – Sarzano di Casale Monferrato (AL) e Ferrero Regis di Torino.

Parziali: 1q 25-20, 2q 44-38 (19-18), 3q 57-48 (13-10), 4q 78-68 (21-20). 

Domenica è arrivata la vittoria numero quattordici della stagione, grazie alla quale abbiamo centrato per il terzo anno consecutivo i playoff di C Silver. Il successo è stato ottenuto in casa dell'Oasi, una delle formazioni che ha fatto meglio nel girone di ritorno, grazie alle sette vittorie nelle prime nove partite. Dopo un primo tempo in equilibrio nel punteggio, con moltissimi errori al tiro e una marea di palle perse, nel terzo quarto prendiamo il largo grazie a quattro triple consecutive, di cui due di Oberto, e a una difesa che concede solo tre canestri dal campo ai padroni di casa. Nell'ultima frazione subiamo il tentativo di rimonta dell'Oasi, ma resistiamo e una tripla dall'angolo di Longoni sembra chiudere la partita. Negli ultimi 90" vengono espulsi Corrado e Chirio per un accenno di rissa e Longoni, reo di aver lasciato il campo per andare a dividere i due. Il momento di smarrimento che ne segue viene però tenuto sotto controllo dai liberi di Campigotto e Cambursano e così possiamo festeggiare per la vittoria e per la qualificazione alla post season. Con questo successo raggiungiamo come detto quota 28 punti, superando il nostro record di 26, ottenuto nella scorsa stagione. Mancano tre giornate alla fine e proviamo a riassumere le cose sicure e quelle probabili.

Qualificate ai playoff: Kolbe, Serravalle, Ghemme, Saluzzo e Usac. Gli altri tre posti se li giocheranno Savigliano (quasi sicura), Vercelli Rices, Arona e Oasi. In chiave salvezza: anche qui quattro squadre per tre posti. Pinerolo, Settimo, Ginnastica e Lettera 22 hanno 120 minuti per evitare di far compagnia a Cuneo nella post season che deciderà chi sarà a retrocedere in D. Domenica 8 aprile giocheremo al Poli contro Vercelli.

Parziali: 1q 15-13, 2q 29-31 (14-18), 3q 38-52 (9-21), 4q 57-62 (19-10).

Oasi L. Vicuna Rivalta: Chirio 7, Murgia 4, Balestrieri 10, Mecca 4, Martinetto 17, A. Motta 9, Barbieri 4, Blotto 2, Chiampo ne, M. Motta 0, Nacci 0, Mangone 0. Allenatore: Musto

Usac: Zuliani 0, Zagaria 7, Cambursano 6, Ferraresi 9, Campigotto 8, Corrado 5, Oberto 11, Longoni 14, Boetto 2. Allenatore: Porcelli

Torna a vincere anche in casa la nostra C Silver e lo fa in maniera netta contro Lettera 22. L'equilibrio in campo dura fino al 10-10 del 5', poi la nostra difesa inizia a rendere la vita difficilissima all'attacco eporediese, mentre in attacco siamo lucidi,  costruiamo buoni tiri e le percentuali prendono il volo. Così dal pareggio di metà primo quarto (10-10), passiamo al +16 di metà secondo (28-12) e addirittura al +26 quando suona la sirena dell'intervallo. Nel secondo tempo la partita offre poco da raccontare, se non un paio di stoppate di Boetto e una schiacciata con fallo subito di Tampellini. Con questo successo si raggiunge quota 13 vittorie, uguagliando il record societario della scorsa stagione, e si rosicchiano due punti a Saluzzo, fermato in casa da Arona. Spulciando il tabellino: l'andamento della gara ha concesso ampie rotazioni a coach Titto e tutti hanno giocato dai 13 ai 28 minuti. Notevole il 62% da 2, meno il 13% da 3. Ben 21 i rimbalzi di Longoni, 10 (con 3 assist) quelli di Cambursano, 4 le stoppate di Boetto. La classifica: il campionato mantiene il suo equilibrio e davvero nulla si deve dare per scontato, come mostrano le vittorie, ottenute solo dopo due supplementari, di Serravalle e Kolbe (seconda e terza) su Ginnastica e Settimo (penultima e terz'ultima). Quando mancano quattro giornate al termine delle stagione regolare l'unica certezza matematica è l'ultimo posto di Cuneo, mentre Pinerolo, Lettera 22, Settimo e Ginnastica lotteranno per non essere le altre tre che disputeranno i playout. Per i playoff: Ghemme, Serravalle, Kolbe e Saluzzo sono già matematicamente dentro, a noi manca pochissimo per ottenerli per il terzo anno consecutivo, mentre alle nostre spalle Savigliano, Vercelli, Arona e Oasi, quest'ultima nostra prossima avversaria domenica, si giocheranno i tre posti rimanenti.

USAC: Campigotto 9, Astegiano 2, Zagaria 14, Zuliani 2, Ferraresi 15, Boetto 6, Oberto 8, Longoni 6, Corrado 8, Cambursano 5. Allenatore: Porcelli.

LETTERA 22: Novarese 14, Zambollin 0, Tampellini 14, Manfrè 1, Barraz 4, Degrandi 0, Vallone 9, Trovero 0, Ronci 3, Cossano 0.Allenatore: Cossavella. 

ARBITRI – Cavallina di Borgaro (TO) e D’Errico di Grugliasco.

Parziali: 1q 18-10, 2q 45-19 (27-9), 3q 62-33 (17-14), 4q 75-45 (13-12).

Finalmente si muove la classifica della nostra prima squadre, vittoria che mancava dal 27 gennaio nella partita a Savigliano. Dopo lungo tempo il roster era al completo, con il ritorno di Longoni (al suo massimo in carriera in C Silver) dalla squalifica e Oberto quasi guarito dalla distorsione, roster al quale si è aggiunto Giacomo Sartore, in doppio tesseramento con la Pall.Biella. Sulla partita: sicuramente poco spettacolare e divertente, a causa anche dei molti falli fischiati, quasi cinquanta complessivi. Abbiamo condotto nel punteggio per tutta la partita, senza mai però dare l'impressione di esserne completamente in controllo, anche per la bassa percentuale nei molti liberi tirati. La vittoria ci permette di consolidare la quinta posizione e di tenere sei punti di distacco dall'ultimo posto della griglia playoff.

Domeninca ospitiamo Lettera 22.

Cuneo: Berardinelli 14, Viara 1, Civalleri 2, M. Maniscalco 3, Gabriunas 6, G. Rocchia 0, T. Rocchia 2, Origlia 2, Castellino 19, Trentani 6, Mameli 3, Massucco 0. Allenatore: Maniscalco. 

Usac: Zuliani 0, Zagaria 7, Astegiano 5, Cambursano 0, Ferraresi 14, Cavaletto ne, Campigotto 0, Corrado 3, Oberto 14, Longoni 25, Boetto 0, G. Sartore 0. Allenatore: Porcelli. 

ARBITRI – Pescarolo di Vercelli e Caneva di Collegno (TO).  

Parziali: 1q 19-19, 2q 31-38 (12-19), 3q 48-55 (17-17), 4q 60-68 (12-13).

Contro Arona è arrivata la terza sconfitta consecutiva casalinga, stop che allunga il momento non facile della nostra prima squadra. Al di là del precario stato di forma e di salute ( Longoni ancora fuori per l'ultimo turno di squalifica, Oberto che non ha ancora superato completamente la distorsione alla spalla, Astegiano con problemi al ginocchio, Corrado e Cambursano con poco allenamento nelle gambe a causa di impegni personali che li hanno tenuti lontani dalla palestra) vanno riconosciuti i meriti degli avversari, guidati dall'impressionante serata offensiva di Picazio e dalla difesa e dall'esperienza di Petricca. Buone la prove offensive di Boetto e Campigotto e la percentuale al tiro di Astegiano. Nonostante la mancanza di vittorie da 5 turni, manteniamo il quinto posto in classica, con due punti e lo scontro diretto a favore su Savigliano. Domenica saremo ospiti di Cuneo, ultima in classifica e oramai sicura dei playout.

USAC: Campigotto 15, Astegiano 8, Cavaletto 0, Zagaria 5, Zuliani 0, Ferraresi 9, Boetto 11, Oberto 2, Corrado 12, Cambursano ne, Michela ne, Velli ne. Allenatore: Porcelli.

ARONA: Picazio 25, Petricca 14, Realini 10, Carnaghi 11, Caneva 6, Rinaldi ne, Segala 1, Carone 2, Ielmini 1, Memeli 0, Mraovic 0, Paracchini 2. Allenatore: Bussoli. 

ARBITRI – Bertagna di Collegno (TO) e Ferrero Regis di Torino.

Parziali: 1q 16-19, 2q 33-32 (17-13), 3q 50-57 (17-18), 4q 62-72 (12-15).

Si allunga a 4 la striscia di sconfitte per la nostra prima squadra, scesa sul campo della Ginnastica senza Longoni, squalificato, e Boetto, fuori per motivi personali, mentre tornava disponibile Oberto, fermo però da tre settimane. Dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato, in cui rimaniamo a galla grazie al 3/4 nelle triple di Astegiano, a qualche assist di Corrado e alla presenza in area di Oberto, nel secondo tempo il miglior stato di forma della squadra di coach Baldovin, che arrivava da una sconfitta di misura con Ghemme e dalla vittoria sul campo del Pinerolo, e la loro necessità più urgente di fare punti, fanno la differenza. Noi segniamo solo 24 punti nei secondi venti minuti, mentre la squadra di casa realizza sei triple e punisce con continuità le nostre amnesie difensive. In classifica noi rimaniamo al quinto posto, con due punti e lo scontro diretto favorevole su Savigliano, mentre le quattro davanti si staccano in maniera probabilmente definitiva.

Domenica ospitiamo Arona, un'altra delle formazioni che sta lottando nella zona di confine tra playoff e playout: 17.30 al Poli.

Ginnastica: Bonelli 11, Passarino 7, Corino 23, Nebiolo 5, Gatti 6, Gavagnin 3, Cirla 3, Pricop 3, Deluise 5, Emmolo 14, Pasquero 2, Quaglia 1. Allenatore: Baldovin. 

Usac: Zuliani 1, Zagaria 2, Astegiano  11, Cambursano 6, Ferraresi 13, Cavaletto 0, Campigotto 8, Corrado 9, Oberto 5, Ariotto 0. Allenatore: Porcelli. 

ARBITRI – Negri di Valenza (AL) e Daniele di Settimo Torinese (TO).  

Parziali: 1q 15-16, 2q 35-31 (20-15), 3q 56-39 (21-8), 4q 82-55 (26-16).

Il Kolbe si aggiudica anche il match di ritorno, al termine di una partita che al suo interno di partite ne ha avute due: quella giocata nei primi venti minuti, a lungo dominata dai nostri e finita 44-30 e quella giocata nella ripresa, quando la squadra di coach Abrate ha ribaltato completamente la situazione piazzando un parziale di 52-27.

Le due formazioni si presentano incomplete per quanto riguarda il reparto lunghi: da noi Oberto è ancora out, mentre il Kolbe ha Roncarolo a referto, ma in realtà indisponibile a entrare in campo. Dopo il 9-2 iniziale dei torinesi, i nostri entrano in partita, piazzando un esaltante 22-0, al cui interno ci sono anche i primi canestri del girone di ritorno di Francesco Corrado, assente per infortunio da oltre un mese. Difendiamo, corriamo e realizziamo con continuità da fuori e addirittura sono 26 i punti a referto nel primo quarto. La seconda frazione sembra la fotocopia del primo, con un buon inizio dei torinesi, ma con una pronta risposta da parte nostra che mantiene il vantaggio oltre alla doppia cifra. Il canestro sulla sirena di Cavaletto esalta il parecchio pubblico presente al Poli e ci manda negli spogliatoi con quello che sembra un vantaggio rassicurante. Nel secondo tempo però, come già scritto, la partita cambia completamente il suo corso: lentamente gli ospiti rosicchiano il nostro vantaggio, segnando con continuità grazie anche ai moltissimi rimbalzi in attacco di Agbogan. Noi invece non riusciamo più a giocare di squadra, le soluzioni 1c5 si moltiplicano e senza rimbalzi ovviamente non riusciamo più a correre. Una tripla di Cicciomascolo manda le squadre all'ultimo intervallo breve in perfetta parità. Intanto le botte che hanno iniziato a volare già nel primo tempo si intensificano e sono molti i fischi che arrivano per sanzionare tecnici, antisportivi e pure un'espulsione, quella di Longoni. Per quanto riguarda il punteggio invece purtroppo non c'è nulla da fare, l'andamento continua ad essere quello del quarto precedente, anche se per tre volte abbiamo la possibilità di riportarci a contatto, ma troppo individualismo e qualche tiro facile sbagliato bloccano la nostra rincorsa e arriva così la vittoria del Kolbe.

Venerdì saremo ospiti della Ginnastica.

USAC: Longoni 8, Campigotto 13, Astegiano 0, Cavaletto 2, Zagaria 10, Zuliani ne, Ferraresi 11, Boetto 4, Cambursano 13, Corrado 10, Ariotto ne. Allenatore: Porcelli.

KOLBE: Barberis 21, Concas 8, Fornuto 9, Liso 0, Roncarolo ne, Tomatis 2, Aresu 6, Rinaudo ne, Ciccomasscolo 14, De Bartolomeo 14, Agbogan 8. Allenatore: Abrate. 

ARBITRI – Coccia di Torino e Pesavento di Aymaville (AO).

Parziali: 1q 26-15, 2q 44-30 (18-15), 3q 58-58 (14-28), 4q 71-82 (13-24).